Leftovers stir-fry (o della pigrizia domenicale)

Ovvero: avanzi in salsa cinese. O di come sia rassicurante, la domenica in cui ti sei svegliato tardi e non ci pensi neanche a mettere il naso fuori di casa (che poi io sono contraria alla spesa di domenica) raccattare un po’ di cose dal frigo, sbatterle in un wok e inventarsi una ricetta.

Sorprendentemente il risultato non è stato affatto male! Credo che la cosa più interessante di tutto l’esperimento sia stata la salsa, che sono riuscita a rendere più o meno somigliante a quella che spesso mangio nei miei ristoranti cinesi di fiducia.

Ma ecco tutta la (non) ricetta per uno stir-fry della domenica pigra

1/2 cavolo romano cotto al vapore
1 bok choy
1 carota
1 panetto di tofu al naturale
1/2 cipolla
1 spicchio d’aglio
1 pezzetto di radice di zenzero
peperoncino

3 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaio di aceto di riso
1 cucchiaio di fecola di patate
1 cucchiaino di miele

Scaldare l’olio nel wok; quando è ben caldo aggiungere la cipolla affettata sottile e far cuocere per un paio di minuti, facendo attenzione a non bruciarla. Aggiungere l’aglio schiacciato e lo zenzero affettato sottile, insaporire con il peperoncino. Rimestare per un minuto, dopo di che aggiungere la cipolla tagliata a rondelle e le cimette del cavolo. Dopo circa 5 minuti aggiungere il bok choy tagliato a striscioline e il tofu a cubetti.

Preparare la salsa: emulsionare la soia con l’aceto, aggiungere quindi il miele amalgamando bene e sciogliere la fecola.

Versare la salsa a fine cottura, ci vorrà meno di un minuto perchè si addensi. 

Servire accompagnando con del riso, io ho scelto un riso integrale.