Homemade is better! La torta della nonna, per esempio

Avete presente quelle serate in cui un’ottima pizza (o anche una pizza decente, se siete a Milano) viene rovinata da una disastrosa lista di dolci rigorosamente industriali? In quella lista non mancano mai, e sottolineo mai, alcuni punti fermi. Il tartufo nero e bianco. Il crème caramel. La panna cotta. E la torta della nonna.

A parte che mia nonna non ha mai fatto dolci di questo tipo (era pugliese e faceva divinamente le cartellate), non è per rendere omaggio a lei che ho deciso di farlo. Ero semplicemente curiosa di provare il vero gusto di questa torta, che nella sua versione homemade è veramente deliziosa (se si taglia un po’ di zucchero qua e là, per renderla meno stucchevole).

La ricetta è assolutamente basic: si tratta di un involucro di pasta frolla con un ripieno di crema pasticciera. Richiede solo un po’ di tempo e pazienza 

Per la pastafrolla:

400 g di farina

200 g di burro

1 pizzico di sale

100 g di zucchero a velo

i semi di un baccello di vaniglia

2 uova (se sono piccole anche 3)

Impastare la frolla mescolando prima tutti gli ingredienti secchi, aggiungendo poi il burro freddissimo tagliato a cubetti e formando dei bricioloni con le mani. Quando il composto ha assunto l’apparenza più o meno del pangrattato aggiungere le uova e mescolare velocemente fino a ottenere una pasta compatta. 

La frolla va impastata e maneggiata il meno possibile. In meno di 5 minuti quindi la frolla dovrebbe essere già pronta e messa in frigo a riposare.

Si può fare anche con la planetaria (i passaggi sono gli stessi, si usa la foglia invece delle mani) oppure con il robot, sempre nello stesso ordine. In questo modo la frolla è pronta in 2 minuti!

La pasta va fatta riposare in frigo almeno un paio d’ore, meglio tutta la notte.

Per il ripieno ho utilizzato la ricetta perfetta della Ciliegina sulla Torta, semplicemente raddoppiando le dosi.

Anche la crema va fatta raffreddare prima a temperatura ambiente poi in frigo, coperta da pellicola in modo che non si formi la pellicina.

L’assemblaggio e la cottura della torta:

Tirare fuori dal frigo la pastafrolla, batterla con il matterello finchè non diventa abbastanza sottile da poter essere stesa con il matterello stesso. Stenderne i 2/3 formando un disco con cui foderare il fondo e i bordi di uno stampo da crostata di 24 cm di diametro, precedentemente imburrato e infarinato. Tagliare le eccedenze e bucherellare il fondo e i lati della pasta con una forchetta.

Versare la crema pasticciera lasciandone una montagnetta al centro per evitare che si afflosci in cottura

Stendere la restante pastafrolla formando un disco che ricopra lo stampo. Adagiarlo sopra al ripieno e sigillare i bordi con i rebbi della forchetta, eliminando anche le eccedenze di pasta. Bucherellare la superficie con le punte della forchetta.

E infine la copertura: spennellare la superficie della torta con un po’ di latte e ricoprirla con 120 g di pinoli.

Infornare a 180° (forno già caldo) per circa 45 minuti. Lasciarla quindi raffreddare e spolverizzare con zucchero a velo.